In occasione del CES 2016 di Las Vegas, ha fatto il suo debutto in pubblico il nuovo PiPO U8t, un nuovo tablet Windows 10 Mobile, che probabilmente non arriverà mai in Europa, e che si caratterizza per essere il primo dispositivo dotato del nuovo sistema operativo mobile di Microsoft a non presentare un SoC Qualcomm. 

Il nuovo PiPO U8t, infatti, monta un SoC realizzato dall’azienda cinese Rockchip. Il SoC in questione si chiama RK3288W ed è già stato utilizzato da diversi mini PC Android e Linux. La W finale nella sigla indica l’ottimizzazione operata da Rockchip per il supporto al sistema operativo Windows.

Il chipset presenta una CPU Quad-Core ARM Cortex A17 con clock di 1.8 GHz e GPU Mali T760 ed è affiancato da 1 GB di memoria RAM e da 16 GB di storage interno. Il display è invece dotato di una diagonale di 7,85 pollici con risoluzione HD. A conti fatti, la notizia interessante in arrivo dal CES 2016 non è tanto l’esistenza del progetto PiPO U8t, che come detto non arriverà in Italia ed in Europa, quanto il possibile debutto anche con altri dispositivi dei SoC Rockchip nel mercato Windows 10 Mobile ed, in particolare, per quanto riguarda il settore dei tablet e dei prodotti di fascia bassa. PiPO U8t

Per Microsoft, il supporto di Rockchip al mondo Windows 10 Mobile potrebbe contribuire in misura determinante all’espansione del nuovo sistema operativo mobile in mercati emergenti ed, in particolare, in Cina ed India. Nel corso del Mobile World Congress al via a fine febbraio potrebbero emergere nuove informazioni in merito ad una futura partnership tra Microsoft e Rockchip e, quindi, all’arrivo di nuovi dispositivi dotati di un SoC non progettato da Qualcomm sul mercato. Continuate, quindi, a seguirci per ricevere tutti gli aggiornamenti legati alle novità in arrivo per Windows 10 Mobile nel corso delle prossime settimane e dei prossimi mesi.