La casa cinese Xiaomi ha presentato nella giornata di oggi i suoi primi portatili Windows 10. Si tratta di due differenti dispositivi che vanno a costituire la nuova famiglia di prodotti Xiaomi Mi Notebook Air che presentano un design molto simile agli MacBook di Apple impreziosito dal display edge to edge tipico degli ultrabook Dell XPS.

I nuovi portatili Windows 10 di Xiaomi sono due. Il più compatto è il nuovo Xiaomi Mi Notebook Air 12.5, un ultraportatile dotato di display FullHD da 12.5 pollici che può contare sul processore Intel Core m3 con CPU Dual-Core da 2.2 GHz di clock massimo e GPU Intel Graphics 515. Il dispositivo può contare anche su 4 GB di memoria RAM e su un SSD da 128 GB a cui è possibile affiancare un secondo SSD (è presente infatti uno slot libero sotto la scocca).

A completare la nuova gamma di device Xiaomi troviamo il nuovo Xiaomi Mi Notebook Air 13.3, più grande e potente rispetto al 12.5. Questo portatile può contare su di un display FullHD da 13.3 pollici di diagonale affiancato da un processore Intel Core i5 di sesta generazione (SkyLake) e da 8 GB di memoria RAM. La capacità di archiviazione è garantita da un SSD da 256 GB (anche in questo caso è disponibile un secondo slot per installare un altro SSD).

Per entrambi i portatili il sistema operativo, come anticipato in precedenza, è Windows 10. Per quanto riguarda i prezzi, considerando il cambio attuale, lo Xiaomi Mi Notebook Air 12.5 sarà commercializzato in Cina ad un prezzo equivalente a 477 Euro più tasse mentre il 13.3 sarà distribuito a 681 Euro più tasse. 

LEGGI ANCHE: Xiaomi Mi 4 con Windows 10, disponibile un nuovo aggiornamento

Per il momento, Xiaomi non ha rilasciato ulteriori dettagli in merito ad una possibile commercializzazione in Europa dei due nuovi portatili Windows 10 presenti oggi. Con ogni probabilità, nel corso delle prossime settimane diversi store proporranno i nuovi Xiaomi Mi Notebook Air in versione import anche in Europa con prezzi leggermente più alti rispetto a quelli indicati in precedenza. Una commercializzazione diretta in Italia ed in Europa appare, per ora, improbabile.