Sin dal primo rilascio della versione stabile di Windows 10, avvenuto quasi un anno fa, Microsoft ha chiarito che il suo obiettivo era quello di portare il suo nuovo sistema operativo su un miliardo di dispositivi entro il 2018. Il processo di upgrade gratuito a Windows 10 per tutti i device Windows 7 e Windows 8/8.1 ha facilitato la diffusione del sistema operativo che è già diventato il secondo OS desktop più diffuso al mondo anche se la distanza da Windows 7 è ancora consistente.

L’obiettivo del miliardo di dispositivi Windows 10 entro il 2018 appare però praticamente impossibile da raggiungere e Microsoft stessa è costretta a rivedere verso il basso le sue previsioni. Il mancato raggiungimento del target è legato a doppio filo al lancio fallimentare di Windows 10 Mobile che non ha convinto gli utenti, a causa soprattutto di prime versioni poco stabili. Le vendite di dispositivi Windows 10 Mobile hanno, infatti, fatto registrare un netto calo rispetto alle vendite ottenute dai dispositivi Windows Phone negli ultimi anni.

L’insuccesso di Windows 10 Mobile sta spingendo Microsoft ad un cambio di strategia in corsa con il totale abbandono del marchio Lumia (difficilmente vedremo sul mercato altri smartphone Lumia nel corso dei prossimi mesi) in favore della nascita del nuovo Surface Phone, un top di gamma business oriented che arriverà sul mercato, insieme a Windows 10 Mobile Redstone 2, nel corso della prima parte del prossimo anno. Windows 10 Mobile Redstone 2 sarà il secondo major update dell’OS di Microsoft e, rispetto a Redstone 1 in arrivo con il Windows 10 Anniversary Update di agosto, dovrebbe portare tantissime novità per la divisione mobile di Windows 10.

LEGGI ANCHE: Windows 10 Mobile, in arrivo un nuovo Action Center

Per ora, Microsoft non ha rilasciato ulteriori previsioni in merito all’effettivo numero di dispositivi Windows 10 che saranno disponibili nel 2018. Maggiori dettagli potrebbero emergere  nel corso delle prossime settimane a margine del rilascio del Windows 10 Anniversary Update.